AUTORIZZAZIONI: PRI SU VOTO PALESE
AUTORIZZAZIONI: PRI SU VOTO PALESE

ROMA, 6 MAG. (ADNKRONOS)_ ''LA SCELTA DEL VOTO PALESE NELLE VOTAZIONI RELATIVE ALLE RICHIESTE DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE VA ANZITUTTO CONSIDERATA COME DOVUTA ALLA VOLONTA' ESPRESSA DAI PRESIDENTI DELLE CAMERE DI SOSTENERE UNA INTERPRETAZIONE AUTENTICA DELLE NORME REGOLAMENTARI VIGENTI''. E' QUANTO SCRIVE OGGI IL QUOTIDIANO DEL PRI, ''LA VOCE REPUBBLICANA''.

''A TUTELA DEL PARLAMENTO - PROSEGUE LA 'VOCE' - LE DECISIONI DELL'AULA NON POSSONO ESSERE COMPRESE NEI LIMITI ENTRO I QUALI IL VOTO SEGRETO TUTELA LA PERSONA. LA PRASSI PARLAMENTARE ADOTTATA, CON IL VOTO SEGRETO, AVEVA PROGRESSIVAMENTE MINATO IL PUNTO FONDAMENTALE CHE PROPRIO ANCHE L'ESIGENZA DI UNA PIENA REVISIONE DELLE NORME COSTITUZIONALI SULL'IMMUNITA' INTENDE COME INDISPONIBILE: SOLO LA DIFESA DEI DIRITTI DI PENSIERO E DI OPINIONE DEL PARLAMENTARE CHIAMA IN CAUSA LA TUTELA DELLE FUNZIONI DELLE ASSEMBLEE PARLAMENTARI''.

''IL VOTO SU CRAXI - SCRIVE ANCORA IL QUOTIDIANO DEL PRI - HA FATTO ESPLODERE IN MODO DIROMPENTE CIO' CHE ERA DIVENTATO UN CONFLITTO FRA PRINCIPI COSTITUZIONALI E INTERESSI DEI PARTITI. ORA SI VA DEFINITIVAMENTE OLTRE E LO SI FA SENZA INCERTEZZE COME DIMOSTRA L'ALTRA DECISIONE IMPORTANTISSIMA ADOTTATA DALLA GIUNTA DEL REGOLAMENTO DELLA CAMERA: LA DECISIONE, CIOE', DI RENDERE AMMISSIBILI GLI EMENDAMENTI SOPPRESSIVI, DEL TESTO ALL'ESAME DELLA COMMISSIONE, CHE INTRODUCENDO UNA REVISIONE RADICALE DELL'IMMUNITA' POTRANNO EVITARE CHE D'ORA IN AVANTI POSSA ESSERE INTERPRETATA COME IMPUNITA'''.

(POL/BB/ADNKRONOS)