GOVERNO: PDS SI ASTIENE - OCCHETTO, FIDUCIA MORALE A CIAMPI
GOVERNO: PDS SI ASTIENE - OCCHETTO, FIDUCIA MORALE A CIAMPI

Roma, 6 Mag. (Adnkronos) - Nel Pds e' pAssata l'astensione. I gruppi parlamentari di camera e senato, riunitosi per oltre tre ore e mezza a Montecitorio, hanno deliberato (con soli 10 voti contrari) di non votare contro ma neppure a favore dell'esecutivo che stamane ha presentato le sue linee programmatiche. Al termine della riunione e' stato il segretario della Quercia, Achille Occhetto, a tirare le somme del dibattito.

''Malgrado ci siano stati 10 voti contro la proposta di astensione -ha sostenuto Occhetto- c'e' stata la decisione di votare tutti nello sTesso modo''. Cioe' a dire che, in aula, il dissenso manifestato dai 10 parlamentari della Quercia nella riunione odierna, rientrera' e si 'trasformera'' in un voto di astensione. Sara' il segretario del Pds a pronunbciare domani la dichiarazione di voto mentre gli altri due relatori della Quercia saranno Franco Bassanini e Alfredo Reichlin.

Occhetto ha spiegato che sara' lui a fare l'intervento conclusivo perche' ''c'e' un tentativo di premere su Ciampi per farlo recedere dalla condizione essenziale affinche' il Pds mantenga l'astensione, cioe' il collegamento tra riforma elettorale e durata del governo''.

''IN questo momento -ha ribadito il leader pidiessino- sarebbero necessarie le elezioni anticipate. Ma, siccome siamo un partito referendario e vogliamo farle con le nuove regole, assumiamo, con l'astensione, una risposta positiva alla richiesta di sostegno e fiducia morale chiesta da Ciampi. Ad essa deve pero' corrispondere una capacita' effettiva di fare la legge elettorale entro luglio''.

(Rfu/BB/Adnkronos)