D'ESTATE
D'ESTATE

(Adnkronos) - Sulla prima storica, astensione della lega, verso la fiducia al governo ciampi, il presidente della lega nord franco rocchetta spiega che secondo lui ''e' stato proprio bossi a far cambiare parere a ciampi e non il contrario, sia sui tempi che sui contenuti''.

Ma, l'astensione e il benevolo atteggiamento della lega verso Ciampi'' potrebbe ben presto tramutarsi in una rinnovata e sempre piu' dura opposizione ha spiegato Rocchetta se ''entro 40 giorni, per noi basterebbero solo anche tre settimane, non verranno aperti i primi cantieri delle prime riforme elettorali. Certo, non saremo con i fucili puntati, la notte del solstizio d'estate, pero' se si temporeggera', inizieremo da prima a stimolare e poi a pungere e infine frustare perche' venga dato avvio alla riforma elettorale''.

E comunque, per la lega nord: ''questo governo dovra' dimettersi non appena sara' votata la nuova legge elettorale, perche' si tratta di un atto di dimissioni gia' formalmente presentato ieri dallo stesso Ciampi''.

La lega rimane per una legge maggioritaria ad un unico turno perche' -ha spiegato rocchetta- il doppio turno significherebbe il riciclaggio di nomi vecchi''. e, dal canto suo il movimento di bossi ha gia' presentato al presidente della republica e depositato in parlamento la propria proposta di riforma che prevede la modifica del numero dei collegi elettorali che dovranno essere uguali al numero delle province italiane: ''questa e' la via piu' breve per una riforma''. (segue)

(dac/pan/adnkronos)