CREDIT: POUR PARLER TRA BARUCCI, AMATO E BRUNO
CREDIT: POUR PARLER TRA BARUCCI, AMATO E BRUNO

Roma, 19 mag. (Adnkronos) - Non poteva esserci scenario migliore: in una pausa della cerimonia di consegna del premio ''Ezio Tarantelli'' all'ex presidente del consiglio Giuliano Amato, riconosciutogli per quanto fatto nel processo di privatizzazioni, lo stesso Amato ha incontrato il ministro del tesoro Piero Barucci e l'amministratore delegato del Credito Italiano, Giuseppe Egidio Bruno.

Ufficialmente, Bruno ha approfittato della cerimonia per salutare il ministro del tesoro e l'ex presidente del consiglio. Ma, a pochi mesi ormai dalla prevista cessione del Credit, che dovrebbe aversi entro agosto, nel corso dell'incontro riservato, durato circa un quarto d'ora, potrebbe essersi discusso proprio delle prospettive per la banca milanese. Poi, il ministro del tesoro, che e' anche direttore centrale in aspettativa del credito italiano, e l'amministratore delegato dell'istituto milanese hanno lasciato insieme la facolta' di economia e commercio di Roma, dove e' stato consegnato il premio.

D'altra parte, lo stesso Amato, nel corso del suo intervento alla cerimonia aveva ripercorso la strada della privatizzazione del Credito. Tutti, ha detto, hanno parlato del ''disco rosso'' della Banca d'Italia alla proprieta' straniera. Uno stop in realta' inesistente. ''La vicenda -ha ammesso l'ex presidente del consiglio- non l'ho capita per intero'', soprattutto per quanto riguarda il problema prezzo che, potrebbe essere nato soltanto perche', in realta', qualcuno potrebbe avere opposto delle resistenze alla cessione.

(Kat-Tes/gs/adnkronos)