FINANZIARIA 94: BARUCCI (3) - ''SARA' SEVERA E SELETTIVA''
FINANZIARIA 94: BARUCCI (3) - ''SARA' SEVERA E SELETTIVA''

(Adnkronos) - Sul rientro della lira nello sme, il ministro del tesoro Piero Barucci a Padova ha annunciato: ''noi rientreremo nello sme soltanto quando saremo sicuri che non dovremo uscirne 12 ore dopo'', e il ministro ha quindi ricordato come ad eseMpio, l'attentato di firenze ci abbia fatto perdere 20 punti sul marco tedesco e poi ''in tutta europa la situazione non e' favorevole ad un ingresso immediato della lira nello sme: vi sono le elezioni in spagna del 6 giugno, e non so se la peseta uscira' o meno dallo sme dopo tali elezioni. Abbiamo poi la scadenza delle elezioni amministrative in Italia che interessano ben 10 milioni di elettori''. Per Barucci comunque ''ora abbiamo un grosso compito: utilizzare al meglio questa breve stagione di svalutazione. perche', fino a quando c'e' un vantaggi competitivo bisogna -ha ribadito il ministro- sfruttarlo al meglio''.

Sulla legge Amato il ministro del tesoro, Piero Barucci, rispondendo alla richiesta del presidente della cassa di risparmio di padova, orazio rossi, ha assicurato che ''non ci sara' una ulteriore proroga della legge Amato (per le agevoalzioni fiscali nel settore del credito - ndr). E le case di risparmio devono darsi una mossa, hanno otto mesi di tempo. BAsta che entro il 31.12.93 prendano una decisione'', ha spiegato Barucci, a riguardo di future alleanze tra istituti di credito. Il ministro infatti ha sottolinato che ''finora non c'e' mai stata una legge di agevoLAzioni fiscali che sia durata cosi' a lungo. Mi sembra, insomma, che ci sia tutto il tempo sufficiente per prendere determinate decisioni, poi la realizzazione dei progetti potra' essere fatta in seguito''.

Infine, sulla Sace il ministro del tesoro, Piero Barucci ha annunciato che ''la Sace dovra' essere rifondata quanto prima. Per questo ho invitato i ministeri competenti ad attivare le commissioni. Perche', tutti i vertici sono in prigione e non si puo' far finta di nulla, quindi -ha concluso Barucci- bisogna rifondarla dalle fondamenta''.

(DAC/PE/ADNKRONOS)