ALLEANZA DEMOCRATICA: SEGNI-NON C'E' SPAZIO PER GLI APPARATI (2)
ALLEANZA DEMOCRATICA: SEGNI-NON C'E' SPAZIO PER GLI APPARATI (2)

(Adnkronos) - ''La nuova Italia -dice Segni- chiede di collaborare in modo diverso. Questa idea non la impongono solo regole istituzionali perche' ad essa non c'e' alternativa secondo le stesse esigenze politiche di oggi''. Serve, in particolare, ''una rottura netta con la partitocrazia e con la sua idea di stato''. E serve un abbandono della concezione dell'amministrazione pubblica come ''cosa di parte''.

''Condizione necessaria di giustizia -dice Segni- e' l'imparzialita' della pubblica amministrazione''. Segni ricorda la specificita' che ogni movimento dovra' conservare nella futura aggregazione ''non ho mai chiesto a nessuno -dice- di abbandonare le proprie idee, ne' nessuno lo ha chiesto a me''. E giudica importante lo 'slogan' della dichiarazione di intenti di alleanza democratica per una societa' che abbia 'meno stato e piu' solidarieta''.

In particolare infine, il leader referendario ritiene che il nuovo movimento possa nascere solo con ''prospettive europee od ultraeuropee'' respingendo le tentazioni contemporanee ''a rinchiudersi in localismi ed egoismi''. E puntando al ''superamento'' della concezione di stato nazionale.

(Tor/Pan/Adnkronos)