RIFORMA ELETTORALE: BOGI - PIU' UNITA' FRA I PROGRESSISTI
RIFORMA ELETTORALE: BOGI - PIU' UNITA' FRA I PROGRESSISTI

Roma, 2 Giu. -(Adnkronos)- ''Sarebbe molto utile se le forze che possono domani ritrovarsi in un comune schieramento democratico avessero la forza e la volonta' di elaborare un atteggiamento comune''. Il segretario reggente del Pri, Giorgio Bogi, intervenuto oggi ad una manifestazione elettorale a Trieste e' tornato ad insistere sulla necessita' di una progressiva costituzione di una forza politica di centro intermedia fra Dc e Pds che, gia' a partire dalla nuova legge elettorale, assuma una propria autonomia di comportamento.

''In questa settimana si inizia a delineare finalmente -ha osservato Bogi- il contorno di quell'area democratica tra Dc e Pds che e' autonoma nei suoi fondamenti culturali. E che tale deve restare nella sua articolazione politica nell'Italia di domani''.

Secondo l'esponente repubblicano per questo obbiettivo ''bisogna lavorare a tappe serrate'', in stretta collaborazione con le forze piu' omogenee. ''Nella nuova aggregazione, a fianco a noi, -ha osservato Bogi- ci stanno a pieno titolo movimenti ed esperienze come quelle di Segni, molte personalita' di spicco del riformismo socialista, liberali come Zanone e ambientalisti che credono nello sviluppo, insieme a chi si e' messo in moto da tempo verso alleanza democratica''.

(pol/pan/adnkronos)