GARDINI: LA MALEDIZIONE DI CA' DARIO COLPISCE ANCORA
GARDINI: LA MALEDIZIONE DI CA' DARIO COLPISCE ANCORA

Roma, 23 Lug. - (adnkronos) - La maledizione di Ca' Dario ha colpito ancora. Raul Gardini e' l'ottavo proprietario dello splendido palazzo veneziano a essere morto in modo violento o in circostanze misteriose. L'ultima vittima in una catena di suicidi, assassini, vendette che dal 1500 ad oggi hanno inesorabilmente insanguinato quella fastosa dimora. E trova conferma ancora una volta quello che da sempre dicono i veneziani su quella casa ''maledetta'', marchiata dalla sinistra fama di portare sfortuna ai suoi proprietari.

L'analogia piu' inquietante e' quella con il penultimo proprietario, il nobile torinese Filippo Giordano delle Lanze che all'alba di una grande festa per inaugurare la nuova magione, venne trovato cadavere dalla governante proprio il 20 luglio di 23 anni anni fa. Ma gia' nel secolo scorso Radow Brown, un magnate britannico che aveva acquistato il palazzo per viverci col suo amico cubano Raul Carreras, dopo anni di fasti si ridusse in miseria e mori' di stenti, mentre l'amico Carreras si suicidava.

In realta' poi la lunga serie di lutti era cominciata ben prima, subito dopo la costruzione di Ca' Dario, voluta dal gran signore veneziano Giovanni Dario, ambasciatore di Venezia a Costantinopoli. Sua figlia Maria, tradita e percossa dal marito mori' in giovane eta' in seguito ai maltrattamenti. Dopo vari passaggi, il palazzo fu acquistato nel 1841 da un ricco inglese Rawdon Bron, che dissanguato dai restauri, ando' in rovina e si uccise. Dopo le tragedie di Brown e di Giordano delle Lanze, Ca' Dario fini' in mano di Christopher Lambert, un eccentrico ma ricchissimo inglese. Diceva di non credere alla ''maledizione'', ma in realta' agli intimi aveva confessato di dormire nel chiosco dei gondolieri dell'Hotel Gritti per ''sfuggire ai fantasmi che nel Palazzo lo perseguitavano''. (segue)

(ccr/zn/adnkronos)