TURISMO: FAIAT - CONTRO LA CRISI NON RIMANE CHE LA PUBBLICITA'
TURISMO: FAIAT - CONTRO LA CRISI NON RIMANE CHE LA PUBBLICITA'

Roma, 2 set. (Adnkronos)- Dopo una perdita di circa 2 milioni e mezzo di pernottamenti nei primi sei mesi del 1993 e cali di presenze del 10-12 per cento nei mesi di luglio e agosto, gli albergatori tentano un ultima carta. A partire da sabato 4 settembre sui maggiori quotidiani italiani campeggera' lo slogan: 'Albergatori in Italia, un'impresa quotidiana'.

''In questo modo - precisa una nota della Faiat, federazione italiana degli albergatori - si vuole richiamare l'attenzione del governo sull'importanza che il comparto riveste nell'economia del paese''. In effetti, bastano pochi numeri a dare un'idea di quello che e' il settore alberghiero italiano: 34 mila aziende, oltre 200 mila posti di lavoro, 30 mila miliardi annui di investimenti.

''Ora che la crisi e' giunta al culmine e per la fine del '93 si preannuncia una perdita di almeno 3 mila miliardi di lire - conclude la Faiat - sentiamo di dover fare qualcosa per non dover assistere inermi al funerale del turismo in Italia''.

(Stg/Pe/Adnkronos)