TLC: DE BENEDETTI - EUROSISTEMA ''ESSENZIALE PER RILANCIO''
TLC: DE BENEDETTI - EUROSISTEMA ''ESSENZIALE PER RILANCIO''

Venezia, 23 set. (Adnkronos) - ''Un sistema europeo di reti digitali come strumento fondamentale per il rilancio della competitivita' e dello sviluppo''. E' questa la proposta lanciata dal presidente dell'Olivetti, Carlo De Benedetti intervenuto oggi allo ''European It Forum'' di Venezia, il convegno su informatica e telecomunicazioni promosso annualmente da IDC. Per De Benedetti e' necessario puntare sulla nuova tecnologia digitale e per favorirne la piu' ampia diffusione occorre pero' rimuovere le situazioni di monopolio esistenti, soprattutto nelle Tlc e deregolamentare i mercati dando concreta attuazione in tutti i paesi europei alle direttive da tempo indicate dalla commissione europea.

Piu' in generale per controbattere la crisi dell'occupazione che ormai e' giunta all'11 per cento della forza lavoro in Europa per De Benedetti bisogna aumentare la competitivita' delle imprese europee. E cio', si puo' fare soprattutto con un uso del lavoro ''piu' flessibile ed elastico'', e di un costo del lavoro tale da non penalizzare le imprese europee rispetto a quelle Usa e giapponesi.

Solo cosi' per De Benedetti ''l'Europa puo' riconquistare posizione di leadership, ma deve rispettare almeno due condizioni di fondo. La prima e' che si crei un ambiente di reale competizione e di reale mercato''. ''L'Europa -ha continuato il presidente dell'Olivetti- non si puo' piu' permettere di mantenere mercati nazionali chiusi e protetti; di sostenere artificialmente industrie di stato; di mantenere monopoli chiusi nei servizi piu' innovativi e determinanti per il nuovo scenario come i servizi di Tlc''. ''E' grazie al superamento della logica di monopolio -ha spiegato De Bendetti- che nei maggiori paesi la qualita' dei servizi di telefonia mobile e' migliorata e le tariffe si sono ridotte, aumentando significativamente la domanda con forte vantaggio delle stesse aziende che prima gestivano il servizio in condizioni di monopolio'', ha sottolineato il presidente dell'Olilvetti, che poi ai giornalisti ha ribadito come sia sempre in corsa per diventare il secondo gestore della telefonia mobile in Italia. (segue)

(Dac/Bb/Adnkronos)