PDS: OCCHETTO, TEMO LA STAMPA DEVIATA NON I GIUDICI
PDS: OCCHETTO, TEMO LA STAMPA DEVIATA NON I GIUDICI

Roma, 21 ott. (Adnkronos) - Piu' delle inchieste giudiziarie Occhetto teme l'uso distorto che si puo' fare dell'informazione su Mani Pulite. Il segretario del Pds torna a parlare del supplemento d'indagine su Marcello Stefanini ma affronta pure, in una intervista che comparira' sul prossimo numero di 'Panorama', gli incontri tra Craxi e il giudice Di Pietro, le ultime dichiarazioni di Martinazzoli e gli attuali rapporti con Mario Segni. Occhetto esclude che, dopo il provvedimento deciso dal giudice Italo Ghitti, tra la Quercia e la magistratura sia scoppiata la guerra. ''Ne' guerra ne' scontro - assicura - il nostro partito ha sempre avuto un atteggiamento esemplare nei rapporti con i giudici''.

Ma quei quattro mesi di proroga bruciano ancora: ''Oggi siamo in presenza di una novita' preoccupante. Ci sono state due sentenze del tribunale della Liberta' che ci davano ragione su Stefanini. C'e' stata una richiesta di archiviazione da parte del mitico pool di Mani Pulite. Di fronte a questo Ghitti da' quattro mesi di ulteriori indagini. Era naturale che questa decisione lasciasse sconcertati''. Sarebbe stato preferibile evitare lo stillicidio di accuse e smentite, aggiunge il segretario pidiessino, ''piuttosto che assistere a un processo quotidiano sulle prime pagine dei giornali e delle tv''. In questo tira e molla, prosegue il segretario della Quercia, ''preoccupa piu' l'uso della stampa che le intenzioni di Ghitti''.

(Red/As/Adnkronos)