I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

Tunisi. Il consiglio rivoluzionario di Fatah, corrente di maggioranza dell'Olp, ha approvato ieri a tarda sera a Tunisi l'accordo di pace con Israele sottoscritto a Washington il 13 settembre scorso. L'approvazione -sulla carta scontata perche' Fatah fa capo a Yasser Arafat- assume un significato particolare perche' giunge all'indomani dell'uccisione di un israeliano da parte di cinque attivisti di Fatah. Il Consiglio rivoluzionario di Fatah ha approvato ogni iniziativa presa dalla leadership palestinese, fino all'accordo del 13 settembre, ma ha dato luce verde anche ad altre decisioni, come la formazione di Comitati di azione nazionale, per la realizzazione di obiettivi specifici. I Comitati inizieranno a lavorare subito. Tuttavia prosegue nel sangue la lotta per il potere nei campi profughi palestinesi in Libano. Oggi Moin Shbaytah, alto funzionario di Fatah, e' stato gravemente ferito da un commando terrorista mentre era alla guida della sua autovettura a Qaziyeh, pochi chilometri fuori da Sidone.

Mosca. Da oggi Mosca e' diventata citta' chiusa per i non residenti: sono entrate in vigore le leggi antimmigrazione promulgate per fare fronte alla criminalita' dal sindaco della capitale russa, Yuri Lushkov, nei giorni successivi alla battaglia del Parlamento. Per gli stranieri residenti fuori dalla Comunita' degli Stati indipendenti (Csi), non cambiera' nulla perche' era gia' richiesto il visto di entrata. Ma per tutti gli altri visitatori, soprattutto per i contadini del Caucaso che arrivavano a Mosca per vendere le proprie merci, la situazione e' completamente mutata: la permanenza a Mosca e' tollerata per un massimo di 24 ore oltre le quali sara' necessario un permesso ufficiale in vendita a 770 rubli al giorno (novecento lire). Coloro che verranno sorpesi senza i permessi dovranno pagare una multa di 387mila rubli e saranno espulsi immediatamente.

Londra. La Gran Bretagna dichiara guerra alla pornografia computerizzata. Un nuovo progetto di legge presentato dal governo conservatore britannico permettera' alla polizia non solo di requisire o sequestrare video e film pornografici, ma anche programmi e dischetti per computer ''porno''. Il provvedimento prevede anche il controllo della diffusione della pornografia tra i giovanissimi: in un raid effettuato nelle abitazioni di studenti dello stesso collegio di Londra, la polizia ha recentemente sequestrato ben 745 dischetti pornografici. I dischetti venivano venduti a poco prezzo nel giardino della stessa scuola.

Peshawar. Forze fedeli al primo ministro Gulbadin Hekmatyar, il leader del gruppo estremista Hezb-e-Islami, sono state protagoniste oggi di un violento scontro nel pieno centro della capitale afgana, Kabul, contro reparti del ''signore della guerra'' del Nord, Radhid Dostun, capo di una gigantesca ''milizia privata''.

Sarajevo. Forze croate e musulmane si sono affrontate oggi sui diversi fronti della Bosnia centrale. I croati hanno lanciato un'offensiva in direzione nord, per alleviare la pressione delle truppe musulmane sulle citta' di Vitez e Kiseljak. Ufficiali delle Nazioni Unite hanno reso noto che gli scontri si sono incentrati soprattutto intorno alle citta' di Fojnica e nei pressi di Gornji Vakuf. Dopo una serie di sconfitte, le forze musulmane sono riuscite a riconquistare la citta' di Fojnica. Caschi blu canadesi hanno formato cordoni di sicurezza intorno a due ospedali, uno a Fojnica, l'altro a Bakovici, per cercare di proteggerli dagli attacchi. Nel nord della repubblica, le forze serbe hanno proseguito l'offensiva contro la citta' di Olovo. Scontri hanno avuto luogo anche nell'enclave separatista di Bihac tra forze musulmane fedeli alle autorita' bosniache e sostenitori del secessionista Fikret Abdic. Lo ha reso noto la radio croata, secondo cui le forze leali alle autorita' centrali starebbero per sferrare una massiccia offensiva contro i separatisti, che controllano ormai piu' del 50 per cento del territorio dell'enclave. (segue)

(Dis/Zn/Adnkronos)