MAGIA: ARRIVA IL ''FAI DA TE'' PER APPRENDISTI STREGONI (3)
MAGIA: ARRIVA IL ''FAI DA TE'' PER APPRENDISTI STREGONI (3)
PERCHE' CRESCE IL ''POPOLO DEI CREDULONI''?

(Adnkronos) - Per chi sceglie la scorciatoia della ricchezza c'e' la ''polvere di mandragora'': un pizzico su schedine, biglietti della lotteria o del lotto e la vincite sono assicurate. Per chi invece svolge attivita' commerciali questa stessa polvere, sparsa su fatture, cambiali, atti notarili o altro, assicura il buon esito dei pagamenti. Con un'altra polverina magica e' possibile neutralizzare un fastidioso concorrente. Ne basta poco per fare il vuoto dei clienti nel suo negozio e costringerlo ad abbassare le saracinesche. Ovvia la raccomandazione di custodirla gelosamente in un cassetto: nelle mani di un bambino potrebbe trasformarsi in un boomerang, gettando sul lastrico proprio il mittente.

''I nostri affari -proclama con orgoglio il regista-padrone del business, Luigi Bassi- sono decisamente in controtendenza rispetto alla crisi generale dell'economia e la collaudata affidabilita' della nostra offerta di alta magia sperimentale spiana la strada ad ulteriori, ambiziosi progetti''.

Certo, il ''popolo dei creduloni'' cresce. ''Purtroppo questo tipo di domanda -spiega l'antropologa Ida Magli- aumenta in maniera direttamente proporzionale al senso di precarieta' indotto da ritmi di vita sempre piu' alienanti. Tutti, consciamente o inconsciamente, ci portiamo dietro una cultura scaramantica che in molti casi riesce anche a resistere e ad imporsi alle letture razionali di certi fenomeni. Questa dipendenza, peraltro, e' sostenuta e stimolata dal 'plagio televisivo' ad opera di tanti ciarlatani, sull'ingenuita' e sul bisogno di rassicurazione lucrano abbondantemente.

Non a caso questo ''settore'' e' presidiato da circa 70 mila maghi, che sono, ad occhio, quasi il doppio degli intermediari ufficiali, i preti. Padre Nicola Martino, una vera autorita' in questo campo, autore, peraltro, di ''Scacceranno demoni e maghi'', e' amareggiato: ''La verita' e' che la gente non ha piu' valori, cerca sicurezza e allora si attacca alla superstizione. Manca la fiducia in Dio e nelle doti che Egli ci ha dato''.

(Arc/Gs/Adnkronos)