PSI: DEL TURCO, NON TORNO INDIETRO DI UN CENTIMETRO (2)
PSI: DEL TURCO, NON TORNO INDIETRO DI UN CENTIMETRO (2)

(Adnkronos) - Quella degli inquisiti e' una questione pretestuosa, dicono i 'ribelli', perche' anche l'on. Nicola Capria, pur essendo coinvolto in un procedimento giudiziario, partecipa attivamente alle riunioni. ''Un conto e' una riunione convocata da un organismo impersonale - replica Gino Giugni - un altro e' farlo con una raccolta di firme. Un errore non puo' cancellare tutti gli altri. Mi sembra uno strano concetto giuridico''. Si torna e con insistenza a parlare di scissione anche se il segretario non ci crede. ''Non e' vero che si e' consumata l'ennesima scissione. Questa e' una cosa che va dicendo da tempo Intini. Credo invece che nel partito le opinioni diverse possono convivere nella logica della maggioranza e della minoranza''.

''Stamane - continua - e' successa un'altra cosa: unilateralmente si e' detto che la regola contro gli inquisiti era decaduta. Le difficolta' del Psi aumentano se qualcuno pensa di giocare alle spalle del gruppo dirigente. Al paese si trasmette un'immagine di instabilita' se si insinua il dubbio che c'e' una segreteria reale e una formale. Invece bisogna essere chiari. Il segretario sono io e finche' avro' la fiducia della direzione e dell'assemblea nazionale, non intendo mollare di un centimetro''.

La partita, pero', appare solo rimandata al comitato di direzione che dovrebbe riunirsi oggi alle 17.00 (la riunione non e' stata ancora fissata ufficialmente) e all'incontro (definito 'informale') che i deputati avranno oggi nella sede del Gruppo alla Camera.

(Ruf/Zn/Adnkronos)