SEGNI: COSTA, PASSO IMPORTANTE MA OCCORRE DI PIU'
SEGNI: COSTA, PASSO IMPORTANTE MA OCCORRE DI PIU'

Roma, 2 dic. (Adnkronos) - Il segretario liberale, Raffaele Costa, condivide molto del programma del manifesto per Segni premier, ''soprattutto quelle parti che prevedono una revisione della pubblica amministrazione''. Secondo Costa, lo snellimento, e quindi l'ammodernamento, dello stato, ''deve fondarsi sicuramente sulla sburocratizzazione'' ma anche sulla delegificazione (che il manifesto limita ad uno snellimento delle procedure) e le privatizzazioni. ''In questo senso -afferma Costa- il documento, si deve diventare bandiera di un vasto rassemblement, che spazi dal centro sinistra al centro destra va utilmente integrato''.

Alla sinistra, alla Lega e alla destra, il centro ''deve contrapporre non solo una filosofia di governo fondata sui valori della liberal-democrazia tradizionale ma anche la capacita' di prepararsi a falciare non piu' le teste, che opportunamente sono cadute a frotte, quanto una legislazione arcaica, una burocrazia che ingessa l'amministrazione, un 'pubblico' tanto vasto quanto costoso, improduttivo, vessatorio''.

Costa si chiede se Segni se la sente ''di offrire agli italiani non solo garanzie di moralita' e di rettitudine, ma anche un programma che preveda una autorita' capace di misurare il grado di produttivita' di ogni erogazione di denaro pubblico''. L'unione di centro -ricorda Costa- ha gia' risposto positivamente. Se anche Segni lo fara' ''non faremo mancare alla squadra l'apporto di una solida mezz'ala destra munita, anche, di una discreta dote elettorale''.

(Pol/Bb/Adnkronos)