I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

Gerusalemme. Il leader dell'Olp Arafat e il premier israeliano Rabin si incontreranno domani al Cairo. Lo ha annunciato il capo della delegazione palestinese ai negoziati con Israele sul ritiro dai territori occupati, Nabil Shaat. Shaat ha espresso la speranza che questo incontro sia utile per spianare la strada verso un progresso dei negoziati. Intanto il segretario di Stato americano Christopher ha annunciato un summit tra i presidenti americano Clinton e siriano Al-Assad che si svolgera' in gennaio a Ginevra. Christopher ha detto che ''il presidente Clinton considera questo incontro come un'occasione per esaminare le condizioni per un accordo di pace tra Israele e Siria''. Il segretario di Stato Usa ha anche annunciato che i negoziati di pace bilaterali arabo-israeliani riprenderanno a fine gennaio a Washington.

Mogadiscio. In queste ore l'assassino della crocerossina Maria Cristina Luinetti e' sotto osservazione all'ospedale rumeno della capitale somala. Al momento dell'irruzione nel poliambulatorio di Mogadiscio, l'assassino della crocerossina Maria Cristina Luinetti aveva in mano due pistole. Dopo aver sparato alcuni colpi all'impazzata, e' fuggito ed e' stato successivamente ferito e bloccato dai militari italiani. Maria Cristina Luinetti aveva il 'grado' di sottotenente (le crocerossine sono un corpo ausiliario delle Forze Armate). Sarebbe ritornata in Italia il 29 dicembre, al termine del proprio turno di servizio in corno d'Africa.

Parigi. L'ex ministro della Cultura francese Jack Lang ha visto annullata la sua nomina a deputato dell'Assemblea Nazionale. Il provvedimento adottato dalla Corte Costituzionale, e' stato motivato per le eccessive spese sostenute dal parlamentare durante la campagna elettorale. Secondo la Corte, l'ex ministro ha superato il tetto di spesa massimo autorizzato per le campagne elettorali nelle citta' con piu' di 80mila abitanti, ovvero 500mila franchi, circa 150 milioni. Lang e' stato sospeso per 12 mesi e non potra' quindi partecipare alle prossime elezioni parziali di primavera previste a Blois, la citta' di cui e' sindaco.

Johannesburg. Reduce da un'infamante vicenda giudiziaria e dalla separazione dal marito, il leader dell'Anc (''African national congress'') Nelson Mandela, Winnie Mandela ha fatto il suo ritorno in grande stile alla politica sudafricana. La Mandela e' stata eletta presidente della Lega femminile dell'Anc (Ancwl), al Congresso dell'Ancwl tenutosi a Durban, nella provincia orientale del Natal, ottenendo 396 dei 560 voti in palio ed imponendo la sua candidatura su quella di Albertina Sisulu, moglie del vicepresidente dell'Anc Walter Sisulu. (segue)

(Dis/As/Adnkronos)