I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (2): L'ESTERO

Bagdad. Saddam Hussein ha deciso di liberare i tre tecnici inglesi arrestati con l'accusa di essere entrati illegalmente in Iraq. La decisione e' stata comunicata alle autorita' britanniche subito dopo l'incontro tra il presidente iracheno e l'ex premier inglese Edward Heath che si era recato a Bagdad per ottenere il rilascio dei connazionali Paul Ride, Michael Wainwright e Simon Dunn.

Sarajevo. La capitale bosniaca torna ad essere teatro di pesantissimi combattimenti. Otto morti e sedici feriti sono il bilancio del bombardamento dei serbo-bosniaci sulla citta'. I primi colpi di mortaio hanno raggiunto un mercato nel centro cittadino provocando quattro vittime e ferendo quattro persone. Altri quattro civili sono stati uccisi da granate esplose in altre zone di Sarajevo.

Parigi. Novanta deputati gollisti hanno presentato una proposta al governo Balladur, che prevede il ritorno ''ai fornelli'' delle lavoratrici. In cambio le donne riceverebbero un assegno pari a 4mila 700 franchi, circa un milione e mezzo di lire, e lascerebbero liberi i loro posti di lavoro ai disoccupati maschi. ''Bisogna ricostruire la famiglia -ha detto il deputato Pascalon, primo firmatario della proposta - e poi la Francia ha bisogno di bambini''.

Washington. Allarme nella capitale degli Stati Uniti. Le autorita' hanno avvertito i cittadini di non bere l'acqua che esce dai rubinetti senza prima farla bollire. Colpevole sarebbe un microrganismo che puo' provocare nausee, diarree, crampi allo stomaco e, in qualche caso, persino la morte. A Washington sono stati chiusi tutti i rubinetti degli edifici pubblici o luoghi come l'aeroporto dove transitano ogni giorno 45mila passeggeri. Centinaia di migliaia di persone hanno preso d'assalto i mercati alla ricerca di acqua minerale le cui scorte sono finite in poche ore. Il divieto finira' almeno fino a lunedi. (segue)

(Dis/Bb/Adnkronos)