DIRITTI UMANI: RELEGATI IN SECONDO PIANO
DIRITTI UMANI: RELEGATI IN SECONDO PIANO

Londra, 9 dic. (Adnkronos/Dpa)- La difesa dei diritti umani rischia di essere relegata in secondo piano nel mondo. Lo ha denunciato Pierre Sane, segretario generale di Amnesty International, parlando durante un incontro alla ''London school of economics'' tenutosi alla vigilia della Giornata dei diritti umani. ''La triste verita' e' quella che a 45 anni dalla stesura della Dichiarazione universale dei diritti umani, il mondo non ha compiuto completamente il suo compito'' ha dichiarato Sane, sottolineando che la comunita' internazionale continua ad esitare di fronte alle incessanti violazioni dei diritti umani: dalla pulizia etnica, al razzismo, dalla crescita delle popolazioni di rifugiati agli orrori delle guerre civili. Sane ha inoltre duramente criticato l'ipocrisia di diversi governi che esaltano o decantano le ''virtu''' della loro difesa dei diritti umani, solo per nascondere i crimini e le violazioni commessi dai loro apparati di sicurezza.

Per Sane, il movimento in direzione di una ''globalizzazione'' economica e sociale ha finito per nascondere molte recenti violazioni dei diritti umani. Amnesty International chiede quindi alle Nazioni Unite di incrementare i finanziamenti al suo programma per i diritti umani e l'istituzione di un Alto commissariato competente in materia.

(Giz/Bb/Adnkronos)