SUDAFRICA: L'ONU REVOCA L'EMBARGO PETROLIFERO
SUDAFRICA: L'ONU REVOCA L'EMBARGO PETROLIFERO

New York, 9 dic. (Adnkronos/Dpa)- L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha revocato oggi a New York l'embargo petrolifero imposto contro il Sudafrica nel 1977 in ritorsione per la politica di segregazione razziale allora praticata dal regime bianco di Pretoria. La revoca dell'embargo -l'ultima sanzione applicata dall'Onu contro il Sudafrica- e' giunta due giorni dopo il formale insediamento a Citta' del Capo del Consiglio esecutivo di transizione (Tec), l'organismo composto da rappresentanti bianchi e neri delle 19 organizzazioni che hanno partecipato al negoziato costituzionale sudafricano, cui sono stati attribuiti poteri di veto sulle decisioni del governo di Pretoria e poteri di iniziativa politica fino alle elezioni costituenti del prossimo 27 aprile, le prime consultazioni a suffragio universale nella storia del Sudafrica.

Nella sua seconda seduta, tenutasi oggi, il Tec -organismo dominato dal governo riformista bianco del presidente Frederik De Klerk e dall'''African national congress'' (Anc) di Nelson Mandela- ha nel frattempo ordinato alla Polizia sudafricana (Sap) di ''agire immediatamente per garantire la sicurezza'' nel KwaZulu, il ''bantustan'' autonomo della provincia orientale del Natal dominato dall'''Inkatha'' del leader conservatore zulu Mangosuthu Buthelezi. Il Tec ha anche accusato il capo della Polizia del KwaZulu (Kzp), il commissario Roy During, di avere nascosto le attivita' degli squadroni della morte della Kzp, che agirebbero per conto dell'''Inkatha'' contro i sostenitori zulu dell'Anc nel Natal.

(Lun/Bb/Adnkronos)