RAIUNO: ARRIVA ''ABRAMO'', AL VIA ''LA BIBBIA'' (2)
RAIUNO: ARRIVA ''ABRAMO'', AL VIA ''LA BIBBIA'' (2)

(Adnkronos) - Tra i primati che ''La Bibbia'' collezionera' quando il progetto sara' giunto al termine, vi sara' probabilmente quello della tenacia spesa dai produttori che, tra l'altro, hanno voluto un rispetto assoluto del testo tanto da creare un pool di esegeti ebrei, cattolici, protestanti e islamici. Molti gli aneddoti raccontati a tale proposito da Bernabei, che e' anche coordinatore degli esperti biblisti, cui spetta l'ultima parola sulla sceneggiatura, come recita anche il contratto con la Turner pictures. Per esempio il ''no'' iniziale incassato dal produttore da parte del rettore dell'universita' coranica di Fez: rappresentare i profeti e' sacrilegio e Abramo e' un profeta. ''Poi pero' - racconta Bernabei - si riuni' una commissione di esperti e il primo consigliere del re del Marocco ci comunico' il parere positivo espresso dopo l'esame della sceneggiatura''.

Uno ''script'' inattaccabile, dunque, quello firmato da Robert McKee con la collaborazione dei consulenti biblici, ma che rispetta anche cio' che il professor Vincenzo Labella definisce ''la carnalita' della Bibbia''. Se e' stato cassato l'episodio dell'incesto delle figlie di Lot, la ragione e' che i protagonisti agivano in uno scenario da fine del mondo, mossi dalla necessita' di ripopolare la terra, quindi ''si sarebbe dovuto raccontare - spiega il professore - tutto lo scenario della post-distruzione di Sodoma''. Oltre a Richard Harris, nel cast di ''Abramo'' figurano Barbara Hershey (Sara), Vittorio Gassman (il padre di Abramo), Maximilian Schell (il faraone), Carolina Rosi (Hagar, la schiava madre di Ismaele), Andrea Prodan (Lot).

(Val/As/Adnkronos)