TEATRO: ''FATTI UNICI PER ATTI COMICI''
TEATRO: ''FATTI UNICI PER ATTI COMICI''

Roma, 13 dic. - (Adnkronos) - Quante cose si possono chiedere per amicizia? E quando si puo' dire di no ad un amico? Sono i quesiti che si pone ''Fatti unici per atti comici'' lo spettacolo in due parti, scritto e diretto da Vincenzo Salemme, fino al 19 dicembre al Teatro La Comunita' a Roma.

I due atti, appunto comici, si intitolano ''L'ultimo desiderio'' e ''Passerotti o pipistrelli''. Il primo e' la storia di un giovane medico in grave pericolo di vita che chiede di andare a letto con la moglie del suo migliore amico. Chi se la sentirebbe di rifiutare una simile richiesta ad un uomo che ha i giorni contati? Michelino Seta, incompreso giornalista di provincia, no di certo, e sua moglie Cristina tanto meno. Cosi' accettano, convinti di non rivedere ma piu' il poverino. Ma la sfortuna sa scegliere bene le sue vittime. E se Cristina rimanesse incinta? Il povero Michelino riuscirebbe a sopportare i dubbi gravi che peserebbero sulla propria paternita'? L'altro episodio tratta della vicenda di due amici Pericle e Mario. Pericle, a causa di un incidente, e' costretto a muoversi su una sedia a rotelle; Mario e' un impiegato, molto timido e afflitto da sensi di colpa ''congeniti''. Mario ha un'amante ma non sa dove portarla. Si arrangia in una squallida automobile senza conforts. Pericle gli offre la sua casa, la casa di un handicappato, piena di barriere architettoniche al contrario e Mario non sa rifiutare, ne' osa confessare alla bella signora l'identita' del proprietario di quella ''strana casa''. Mario cerchera' di non offendere l'uono e di accontentare l'altra. Ma quanti ostacoli...

(Dis/Bb/Adnkronos)