APPALTI CALABRIA: ARRESTATI CHIEFFALLO (PSI) E VECCHIO (DC) (3)
APPALTI CALABRIA: ARRESTATI CHIEFFALLO (PSI) E VECCHIO (DC) (3)

(Adnkronos) - L'operazione che ha portato all'arresto di 9 persone, tra cui l'attuale assessore ai Ll.pp. della Regione Calabria, Leopoldo Cheffallo socialista, il consigliere regionale Salvatore Vecchio e Renato Mascaro, attuale consigliere provinciale, entrambi democristiani, insieme ad altre 6 persone e' stata effettuata dalla polizia tributaria della Guardia di Finanza questa notte per presunta truffa aggravata a vari enti ed abuso d'ufficio.

I lavori oggetto dell'inchiesta che riguardano un'arteria di collegamento tra la strada dei Due Mari ed il medio Savuto, in provincia di Cosenza, erano stati affidati alla societa' Ati, di cui era capogruppo il defunto Michele Grandinetti, impreditore lametino. L'importo preventivato era di 70 miliardi, ma sarebbe lievitato fino a 280 miliardi. Tutti gli imputati, secondo le indagini effettuate dalla guardia di finanza, avrebbero, in concorso tra loro, con piu' azioni procurato all'Ati un ingiustificato profitto costituito dall'aggiudicazione indebita della licitazione privata relativa alla costruzuione dell'opera, nonche' dalla stipula di un contratto con oggetto e ridotto rispetto a quello posto a base della licitazione privata.

Secondo i dati forniti dalla Guardia di Finanza su 30 chilometri di strada progettata, 16 sarebbero stati affidati al consorzio Ati che ha ricevuto un'anticipazione di 15 miliardi e avrebbe realizzato, secondo una valutazione dei tecnici dell'Agensud, opere per soli 3 miliardi di lire. Nel corso della stessa indagine sono stati emessi degli avvisi di garanzia ad ex amminstratori dell'epoca: Domenica Calvieri, Guido Saracco, Mario Saporito, Michele Ranieri e Francesco Felice D'Agostino. Anche per questi il reato ipotizzato e' di abuso d'ufficio e truffa aggravata.

(Nsp/Zn/Adnkronos)