LEONCAVALLO: IL CENTRO - NON ATTENDEREMO PASSIVI LO SGOMBERO
LEONCAVALLO: IL CENTRO - NON ATTENDEREMO PASSIVI LO SGOMBERO

Milano, 20 dic. - (Adnkronos) - ''Il Centro Sociale Leoncavallo non attendera' passivamente questo sgombero annunciato con tanto dispiego di forze''. A dirlo sono gli stessi ragazzi del ''Leonka'' in un comunicato in cui si annuncia un 'presidio permanente' a partire dalle 12 di domani fino a 'rimozione avvenuta' da parte della forza pubblica. L'ultimatum di sgombero dagli 'storici' locali di proprieta' della famiglia Cabassi scatta infatti -come si ricordera'- alle 14 di domani, martedi 21.

In preparazione del presidio, cui i giovani del Centro invitano i 'sinceri democratici' a partecipare, si terra' stasera un'assemblea pubblica, nei locali del Casoretto occupato da ben 18 anni, dove verra' fatto il punto sulle prossime ''iniziative di lotta in difesa degli spazi sociali''. Nel comunicato del ''Leonka'', dopo aver giudicato ''sproporzionato'' l'utilizzo delle forze di polizia, si paventa tra l'altro che nello sgombero di domani la forza pubblica non eserciti ''la stessa tolleranza con cui e' stato trattato e sostenuto il blocco fascista di via Adriano''.

Quanto al trasferimento nell'area scelta provvisoriamente dal Prefetto in attesa di una sede definitiva, una cascina del Parco Lambro giudicata da piu' parti inadatta, i giovani del Centro affermano che cominceranno il trasloco delle loro strutture solo perche' costretti ma avvertono: ''Non riusciranno a confinarci in quell'area, anzi saremo ancor piu' presenti con le nostre lotte nel cuore di Milano''.

(Mil/Zn/Adnkronos)