POLO PROGRESSISTA: TRA AD E RIFONDAZIONE C'E' INCOMPATIBILITA'
POLO PROGRESSISTA: TRA AD E RIFONDAZIONE C'E' INCOMPATIBILITA'

Roma, 20 dic. - (Adnkronos) - Alleanza democratica ribadisce che i programmi sono diversi; Rifondazione replica che Adornato, Bordon e compagni rappresentano la continuita' con il vecchio. Appare difficilmente ''ricucibile'' lo ''strappo'' tra Ad e Rifondazione e cio' comporta ulteriori difficolta' per la nascita di un polo progressista che raccolga tutte le forze della sinistra. Se si mette in discussione, come fanno alcuni dirigenti di Rifondazione con una lettera a Cossutta, addirittura l'unione con il Pds per le prossime elezioni figurarsi cosa puo' accadere con un movimento che, come ha osservato Garavini, rappresenta con facce nuove il vecchio.

Bordon ha telefonato gia' a Cossutta per illustrare i motivi che portano il suo movimento ad essere incompatibile con Rifondazione. Ma il presidente di Rifondazione non era a Roma e l'appuntamento per un chiarimento e' oggi pomeriggio, ma le posizioni sono chiare e nette. Dice Bordon: ''Non e' che non vogliamo Rifondazione con noi. Pero' e' come se due persone vogliono andare una a Napoli e una a Milano, e dicono andiamoci col treno. Il treno certo e' il mezzo comune ma le destinazioni sono diverse. Noi rispettiamo Rifondazione ma dobbiamo dire che i programmi sono diversi. Loro rappresentano una forza legittima e rispettabile, ma gli obbiettivi sono diversi e lo si e' visto anche sabato sera con le votazioni sul governo Ciampi. Noi infatti riteniamo l'azione del governo Ciampi positiva ed essenziale. Loro invece lo contestano apertamente. Siamo insomma incompatibili e rappresentiamo due forze diverse''. Ma con la Rete siete disposti a fare un discorso comune? ''Con la Rete -afferma Bordon- ci possono essere dei distinguo su alcune questioni, ma non siamo incompatibili''. (segue)

(Gug/Zn/Adnkronos)