FIAT: LA FIOM ALZA IL TIRO E BOCCIA IL PIANO INDUSTRIALE
FIAT: LA FIOM ALZA IL TIRO E BOCCIA IL PIANO INDUSTRIALE
IL 12 GENNAIO, DIREZIONE CGIL SULLA VERTENZA

Roma, 23 dic. (adnkronos)- La Fiom alza il tiro sulla trattativa Fiat, e, seguendo il ''suggerimento'' di Bruno Trentin, boccia il Piano Industriale dell'azienda e chiede un intervento piu' deciso da parte del Governo. In attesa della ripresa del negoziato, fissata per il 3 gennaio, il clima sindacale si fa dunque sempre piu' caldo. E la stessa Cgil si prepara a scendere in campo direttamente nel merito del confronto piu' difficile dell'anno: per il 12 gennaio prossimo, la confederazione guidata da Trentin ha infatti convocato, per iniziativa del segretario generale, una riunione della Direzione interamente dedicata al ''caso Fiat''.

Tornando alla Fiom, oggi, al termine di una lunga riunione del Coordinamento Fiat Auto, con una nota ufficiale l'organizzazione di categoria dichiara che ''del Piano Industriale Fiat si da' un giudizio negativo, in quanto non definisce le prospettive del Gruppo'', sottolineando che ''fino ad oggi non si sono modificate le ipotesi iniziali dell'azienda, ne' sono state avanzate, da parte del governo, reali proposte di intervento''.

Per quanto riguarda l'area torinese, la Fiom sostiene che la redistribuzioni produttive illustrate dalla Fiat ''non garantiscono prospettive certe agli stabilimenti''; su Arese, si chiede ''una prospettiva produttiva che utilizzi le capacita' presenti nello stabilimento''; per Sevel Campania, infine, si chiedono ''soluzioni industriali'' rese obbligatorie dalla criticita' occupazionale della zona, e la ''rimozione'' dei licenziamenti disciplinari. Nei confronti del Governo, la Fiom ribadisce inoltre la necessita' ''che il Governo avvii un confronto con le parti sociali sulle prospettive del settore auto, compiendo scelte di politica industriale che riguardino i sistemi di trasporto, le alleanze internazionali, il riequilibrio, attraverso presenze produttive molteplici, della bilancia commerciale nel settore trasporti''.

null