FRODI ALIMENTARI: ICRF- NEL '92 E' ANCORA IL VINO IL RE
FRODI ALIMENTARI: ICRF- NEL '92 E' ANCORA IL VINO IL RE

Roma 24 dic. -(Adnkronos)- I produttori di vino in testa alla classifica. Ma il primato, purtroppo, non e' dei migliori: frode alimentare. Ancora una volta, dunque, come ai tempi del vino al metanolo, sembrerebbe che delle nostre bottiglie non ci possa proprio fidare. Almeno, a giudicare dai dati raccolti dall'Ispettorato Centrale Repressione Frodi.

Nel corso del '92, l'Icrf ha notificato ai produttori vitivinicoli 1.678 violazioni amministrative, 224 notizie di reato e 68 sequestri. Ma il vino, se puo' consolare, e' in buona compagnia. Le ditte complessivamente controllate dall'Icrf sono state, nel '92, 18 mila e tra queste la percentuale piu' alta di quelle che non sono risultate in regola spetta al settore delle sostanze zuccherine (25,8 per cento), seguito da quello dei mangimi e integratori (23,7 per cento). In questo caso, il vino viene solo al terzo posto, con il 22,7 per cento di irregolarita'.

Per quanto riguarda i campioni, l'istituto ne ha analizzati l'anno scorso quasi diecimila. Di questi, gli oltre 1.200 risultati irregolari appartenevano ad aziende produttrici di riso, mangimi, fertilizzanti e al settore lattiero-caseario.

(Stg/Zn/Adnkronos)