AUTORIZZAZIONI: CONSULTA, SUPERATI CONFLITTI PROCURE-CAMERE
AUTORIZZAZIONI: CONSULTA, SUPERATI CONFLITTI PROCURE-CAMERE

Roma, 24 dic. (Adnkronos) - Dopo la riforma dell'immunita' parlamentare, che ha portato all'abolizione della richiesta di autorizzazione per procedere alle indagini nei confronti di deputati e senatori, cadono i conflitti di attribuzione di poteri fra Procure della Repubblica e Parlamento, sollevati dinanzi alla Corte Costituzionale. La Consulta ha emesso infatti il 16 dicembre scorso tre sentenze, la n. 462, la n. 463 e la n. 464, depositate oggi in cancelleria, con le quali vengono dichiarati ''improcedibili'' i conflitti di attribuzione sollevati nella primavera scorsa dalle Procure di Milano e Caltanissetta.

In particolare i magistrati di Milano avevano presentato due ricorsi, con i quali si contestavano le decisioni prese dal Senato e dalla Camera, che solo in parte avevano accolto le richieste di autorizzazione a procedere presentate nei confronti, rispettivamente, di Severino Citaristi e Bettino Craxi. In pratica, secondo Borrelli e i suoi sostituti, il Parlamento, respingendo alcune delle richieste del pool di Mani pulite e accettandone altre, aveva espresso un giudizio sul merito dei fatti contestati ai due parlamentari, andando al di la' dei suoi poteri. Naturalmente sia la Camera che il Senato decisero di resistere ai ricorsi, che La Corte dichiaro' ammissibil. (segue)

(Sam/Pe/Adnkronos)