MAO: OSSERVATORE ROMANO LO RICORDA CON UNA PAGINA (2)
MAO: OSSERVATORE ROMANO LO RICORDA CON UNA PAGINA (2)

(Adnkronos) - Veneruso conclude con un'analisi della fine: ''L'esperienza storica di Mao-Tse-Tung, grandiosa ed insieme drammatica, dimostra la difficolta' in cui di dibatte la cultura contemporanea quando scinde polemicamente la dimensione della diversita' propria della natura individuale dell'uomo dalla dimensione dell'uguaglianza, altrettanto necessaria, in quanto l'uomo singolo non puo' realizzarsi se non riconoscendosi ed operando come membro di una grande famiglia che ha come prospettiva il futuro e come sfondo la storia.

Quasi due secoli di Hegelismo -conclude l'autore- ci hanno fatto dimenticare come le dimensioni della diversita' e dell'unita'-uguaglianza non siano che due aspetti della medesima realta'. Per questo la storia contemporanea continua a oscillare senza trovare una soluzione tra i due estremi dell'hegelismo, comunismo e nazionalismo, senza una vera valutazione critica della loro reciproca validita'''.

(Cab/Zn/Adnkronos)