RISCHIO LAVORO: UN MORTO E 500 INFORTUNI OGNI ORA (2)
RISCHIO LAVORO: UN MORTO E 500 INFORTUNI OGNI ORA (2)

(Adnkronos)- Al convegno di Milazzo e' intervenuto anche il ministro dell'ambiente Valdo Spini. ''Quando il 3 giugno del 1993 venni in questa citta' per la sciagura della raffineria Mediterranea, dove persero la vita sette persone -ha detto Spini- presi un impegno d'onore. Si trattava di dare attuazione alla direttiva 'seveso' sulle imprese ad alto rischio ambientale. Nonostante le numerose difficolta' per concordare con gli altri ministeri un provvedimento che affrontasse il problema, siamo riusciti ad approvare il decreto legge pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 gennaio di quest'anno. Il decreto -ha proseguito Spini- stanzia 6 miliardi e prevede l'integrazione dei comitati regionali per la prevenzione incendi ai quali sono affidate le istruttorie, mentre un'apposita conferenza interministeriale avra' il compito di coordinare le procedure e aggiornare la normativa''.

''Per quanto attiene piu' in particolare alla Sicilia -ha aggiunto il ministro- stiamo terminando la definizione dei piani di risanamento delle aree a rischio di Gela e Priolo, per le quali sono stati gia' stanziati 40 e 100 miliardi. Un altro progetto per il monitoraggio dell'area industriale del porto di Milazzo e' invece stato finanziato con i fondi CEE , e la sua entrata in vigore e' prevista per questa primavera''.

''Questa operazione -ha concluso Spini- consentira' la conservazione e la riqualificazione dei posti di lavoro nel settore industriale e in quello dei servizi''.

(Stg/Pe/Adnkronos)