M.O.: PROFILO DI HOLST
M.O.: PROFILO DI HOLST
(RIF.N.18) -

Roma, 13 gen - (Adnkronos)- Johan Jorgen Holst, passera' alla storia come l'uomo che ha condotto la mediazione segreta fra Israele e Olp, culminata nello storico accordo di Washington il 13 settembre. Ma prima di diventare ministro degli esteri, Holst aveva iniziato la sua carriera come ricercatore. Nato nel 1937 a Oslo, Holst, capo della diplomazia norvegese dallo scorso 2 aprile, ha studiato e insegnato nei piu' importanti centri di ricerca del mondo: laureato in russo alla scuola di lingue dell'esercito, e' passato dalla Columbia di New York, l'Universita' di Oslo, il Centro di affari internazionali di Harvard, il ''Norwegian Defence research establishment'', l' ''Hudson institute'' di New York, e l'Universita' di Carleton a Ottawa, prima di approdare all'Istituto norvegese di affari internazionali, di cui ha diretto le ricerche sin dal 1969.

Ministro della Difesa nel secondo e nel terzo governo della premier Gro Harlem Brundtland dal 1986 al 1989 e poi dal 1990, fino a quando non e' stato nominato capo della diplomazia, Holst era entrato nel governo nel 1976 come sottosegretario alla difesa. Holst e' stato membro fra l'altro della task force della Commissione trilaterale degli oceani ed ha diretto il Comitato permanente per la non proliferazione nucleare.

Holst, che ha cinque figli, e' sposato con Marianne Heiberg, ricercatrice presso l'Istituto di affari internazionali norvegese, protagonista insieme al marito ed agli altri componenti della famiglia Holst nello stabilire rapporti personali che lei stesso ha definito ''calorosi'' fra le delegazioni israeliana e palestinese. Rapporti che molto hanno giovato all'esito dei negoziati.

(Civ/Pe/Adnkronos)