I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 1/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

Reggio Calabria. Il presidente dell'Enel, Franco Viezzoli, e' stato arrestato dai carabinieri nell'indagine sugli appalti per la realizzazione della centrale di Gioia Tauro. Al presidente dell'Enel viene contestata una omissione di ''vigilanza generica''. Il Gip Elena Massucco ha concesso a Viezzoli gli arresti domiciliari. L'arresto di Viezzoli fa parte di una vasta operazione in corso da stamattina effettuata dai carabinieri del Ros. I risultati saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che sara' tenuta in giornata a Catanzaro.

Reggio Calabria. Prosegue la caccia ai killer che ieri a Scilla hanno ucciso i carabinieri Vincenzo Garofalo e Antonino Fava. Secondo il magistrato Salvatore Boemi, si tratterebbe di un attacco concentrico delle forze della 'ndrangheta. Oggi e' in programma a Reggio Calabria una riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica alla quale parteciperanno il Procuratore nazionale antimafia Bruno Siclari e il capo della polizia Vincenzo Parisi.

Milano. L'ex leader socialista Bettino Craxi non si presentera' domani al processo Cusani. Con una lettera inviata al presidente del Tribunale, Giuseppe Tarantola, il parlamentare ha affermato di non voler rispondere alle domande di accusa e difesa viste le accese polemiche suscitate nell'opinione pubblica e sottolineate dalla stampa in seguito alla sua prima deposizione. La mia disponibilita' e' venuta meno -ha scritto Craxi- e non per colpa dei giudici. Se dovesse presentarsi in aula, ha fatto poi sapere l'ex segretario del Psi, si avvarrebbe della facolta' di non rispondere. Quindi non presenziera' del tutto. Oggi a Milano e' in programma la 28esima udienza del processo: in programma la deposizione di Vittorio Sbardella.

Roma. Otto persone sono state arrestate in varie citta' italiane per aver cambiato in oro centinaia di milioni di dollari provenienti dal narcotraffico. Il riciclaggio di narcodollari partiva dalla Colombia e arrivava nel nostro Paese. Tra gli arrestati, figurano anche due societa' orafe. (segue)

(Dis/Gs/Adnkronos)