TANGENTOPOLI: HA CAMBIATO LE SEDUTE PSICANALITICHE
TANGENTOPOLI: HA CAMBIATO LE SEDUTE PSICANALITICHE

Roma, 4 feb (Adnkronos) - Effetto tangentopoli sul lettino dello psicanalista. Mani pulite ha rimesso in gioco i sensi di colpa sociali e per la prima volta i pazienti confessano allo 'strizzacervelli' le loro angosce per tangenti e affini, come evasione fiscale, assenteismo sul lavoro, manipolazione di 'cartellini'. Lo rivela all'Adnkronos lo psichiatra e psicoterapeuta Raffaele Morelli, direttore di Riza Psicosomatica, a pochi giorni dal congresso ''Le Tecniche in psicoterapia'' che si terra' il 12 febbraio a Riva del Garda.

''Tangentopoli ha cambiato la maniera di porsi del paziente di fronte a quello che e' proibito o lecito - ha spiegato Morelli - ha fatto riflettere che le ''rotture lievi'', di secondaria importanza un tempo, come il prendere la tangente, in realta', erano delle trasgressioni gravi, con conseguenti sensi di colpa da cui liberarsi. Da un anno a questa parte, la gente questo problema se lo ripropone ed in psicoterapia ne parla''.

''Molte cose che prima venivano date per scontate, come il timbrare sempre il cartellino mezz'ora prima perche' lo fanno tutti - ha detto lo psicanalista - oggi vengono confessati sul lettino. In una seduta di qualche giorno fa una paziente mi ha detto di aver capito che e' una cosa che non si dovrebbe fare e che se ne sente colpevole. E 'proprio la colpevolezza, la rottura di schemi in fondo abbastanza lievi che viene in superficie. La gente ha riacquisito un codice morale e ne parla nelle sedute''. (segue)

(Ria/Pe/Adnkronos)