PROGRESSISTI: AD RESTA NELL' ALLEANZA, CIAMPI NOSTRO CLINTON
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


PROGRESSISTI: AD RESTA NELL' ALLEANZA, CIAMPI NOSTRO CLINTON

Roma, 10 Feb. -(Adnkronos)- Alleanza Democratica si presentera' alle prossime elezioni politiche sotto il simbolo dei Progressisti, per i collegi uninominali. Scioglie cosi' ''positivamamente e grazie alle assicurazioni politiche, programmatiche ed elettorali ricevute dal Pds'', la riserva ancora mantenuta dopo la lettera di Achille Occhetto ricevuta l'altro ieri.

Il movimento di Willer Bordon, Ferdinando Adornato, Giuseppe Ayala, Giorgio Bogi, Giorgio Benvenuto, Pietro Scoppola e Paolo Battistuzzi ha interrotto i lavori del coordinamento nazionale per dare l'annuncio alla stampa e farsi fotografare con in mano la strisciata tricolore dei Progressisti, alla cui presentazione ufficiale avevano disertato. Tre sono i motivi, ovvero ''le assicurazioni'' ottenute da Botteghe Oscure, che hanno indotto Ad di sciogliere positivamente la riserva.

Primo. ''Lo schieramento Progressistia -dice il portavoce di Ad- e' l'unico che riconosce in Carlo Azeglio Ciampi la persona in grado di garantire la prosecuzione della ricostruzione di un Paese distrutto. Pur consapevoli e rispettosi del suo ruolo istituzionale e di garante, Carlo Azeglio Ciampi e' per noi l'unico Bill Clinton a disposizione. Mario Segni e' come Bush: ha abbandonato dopo la vittoria nel Golfo della battaglia referendaria. Silvio Berlusconi e' come Ross Perot, con la differenza di due televisioni in piu' e qualche giornale che mancavano a Perot. Sarebbero stati uguali se il candidato Usa avesse avuto dalla sua parte la grande maggioranza dei mezzi di informazione''. (segue)

(Tor/Zn/Adnkronos)