I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 2/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

Milano. E' stato arrestato, su esecuzione di un ordine di custodia firmato dal Gip Italo Ghitti, il costruttore Paolo Berlusconi. L'accusa per l'imprenditore e' concorso in corruzione in relazione alla compravendita degli immobili da parte della Cariplo. Il nome di Berlusconi e' stato fatto da Giuseppe Clerici, un intermediatore immobiliare, che dichiaro' ai magistrati di aver ricevuto oltre 1 miliardo dal costruttore milanese.

Milano. Sergio Cusani non fara' l' elenco dei giornalisti che percepirono denaro dalla Montedison in cambio di una ''buona informazione sulla stampa a sostegno del gruppo''. Lo ha annunciato l'avvocato di Cusani, Giuliano Spazzali, aggiungendo che un ''intermediario'' tra il gruppo Montedison-Ferruzzi e i giornalisti avrebbe sollecitato, nei giorni scorsi, il finanziere milanese a non fare i nomi dei cronisti coinvolti in questa vicenda. Secondo Spazzali, Cusani potrebbe fare, se richiesto dal tribunale, il solo nome di un giornalista che tempo lo sollecito' in un articolo ''a restituire il malloppo''. Proprio lui -ha detto Spazzali- che sotto gli occhi del finanziere milanese ha percepito dalla Montedison-Ferruzzi centinaia di milioni. Intanto Sergio Cusani ha consegnato ai magistrati un memoriale in cui viene ricostruita tutta la vicenda Enimont.

Milano. Un avviso di garanzia e' stato inviato a Cesare De Piccoli, ex vice sindaco pidiessino di Venezia, europarlamentare. Stando a quel che si e' appreso a chiamarlo in causa sarebbe stato il manager Ugo Montevecchi, che qualche giorno ha riferito al sostituto procuratore Antonio di Pietro di una tangente da cento milioni versata da lui stesso a Cesare De Piccoli per ordine di Antonio Mosconi.

Roma. E' scattato il piano antiterrorismo per prevenire possibili attentati di estremisti serbi intorno alle basi italiane che ospitano gli aerei della Nato. Polizia e Carabinieri hanno rafforzato i controlli alle frontiere, coadiuvati dai militari dell'Esercito. Aumentata anche la vigilanza nei pressi delle basi militari e dei cosiddetti ''obiettivi a rischio''. Particolarmente allertati anche gli 007 del Sismi per prevenire qualsiasi possibilita' di attacco sia missilistico che terroristico al nostro Paese. (segue)

(Dis/Zn/Adnkronos)