NASCITE: I ''PICCHI'' AD AUTUNNO E PRIMAVERA
NASCITE: I ''PICCHI'' AD AUTUNNO E PRIMAVERA

Londra, 11 feb. (Adnkronos) - A qualcuno non piace caldo. Parafrasando in negativo il celebre film con Jack Lemmon, Tony Curtis e Marylin Monroe, si spiegherebbe cosi' perche' i ''picchi per le nascite'' in America del Nord e in Europa sono concentrati ora molto piu' in autunno, soprattutto negli Stati Uniti, dove ora e' ottobre il mese con piu' nascite. Ma se e' cosi', perche' le statistiche registrano un altro picco anche in primavera, soprattutto in Inghilterra e nel Nord Europa? Forse perche' gli inglesi si rivitalizzano quando spunta un timido sole. Gli scienziati indagano ma una risposta certa ancora non c'e'.

Per quella delle nascite in autunno (concepimenti durante l'inverno) il qualcuno cui non piace caldo sono proprio gli spermatozoi: amano il fresco e non a caso la loro concentrazione e motilita' aumenta in inverno e diminuisce con il caldo. E per questo la natura li ha aiutati ubicando i testicoli fuori e non all'interno del corpo umano.

Per quella delle nascite in primavera (concepimenti durante l'estate) una risposta univoca ancora non c'e'. Per il Nord Europa la risposta potrebbe essere nel timido sole che nelle estati riscalda animi e libido, pur non fiaccandole con un eccessivo calore. Ma il teorema non regge per gli Stati Uniti, dove alcune zone conoscono estati torride. Qualcuno, come il professore David Lam, dell'Universita' del Michigan, ha provato ha spiegarlo con l'avvento dell'aria condizionata, ma alcuni stati torridi, come la Georgia, lo hanno smentito con un azzeramento delle nascite tra aprile e maggio proprio dopo gli anni sessanta, quando l'''air conditioning'' cominciava a diventare un ''must''. (segue)

(Liv/Gs/Adnkronos)