BOSNIA: NELLE BASI ITALIANE LE MINACCE SERBE NON FANNO PAURA
BOSNIA: NELLE BASI ITALIANE LE MINACCE SERBE NON FANNO PAURA

Aviano, 11 feb. (Adnkronos) - Vanno a vuoto le minacce dell'ultranazionalista serbo Vojislav Seselj di ''colpire gli obiettivi Nato in Italia''. Nelle basi piu' calde', quelle che potrebbero assistere al decollo dei 'caccia' verso la Bosnia, la sortita di ieri non ha avuto alcun effetto. ''Paura? No, non ce n'e' il motivo - dice all'Adnkronos Giovanni Tasan Zanin, sindaco di Aviano - perche' abbiamo ricevuto precise rassicurazioni da parte del governo sull'impossibilita' pratica dei Serbi di attuare le loro minacce''.

Ad Aviano, che ospita nella locale base Nato 12 F-16, 8 F-18 e 12 EC-130 americani, ''la convivenza con strutture militari va avanti d piu' di 40 anni. Abbiamo gia' attraversato momenti delicati - continua - e quindi siamo preparati a superare anche questa fase. Siamo sensibili alle sofferenze della popolazione bosniaca e non solo per la vicinanza geografica con l'ex Jugoslavia. La preoccupazione che si avverte sempre in questi casi lascia spazio alla consapevolezza che la situazione in Bosnia non e' piu' tollerabile e che occorre impegnarsi per il raggiungimento di una pace duratura''. (segue)

(Mac/As/Adnkronos)