CIAMPI: POSSIBILE MANOVRA CORRETTIVA (2)
CIAMPI: POSSIBILE MANOVRA CORRETTIVA (2)
NEL '93 PIL SOTTO LO ZERO, MA RISULTATI POSITIVI

(Adnkronos) - Ciampi ha ricordato i ''significativi miglioramenti'' in alcune variabili macroeconomiche, dovute anche all'accordo sul costo del lavoro. Miglioramenti tanto piu' significativi in quanto ottenuti in un quadro di ''dura recessione: il 1993 - ha detto e' stato un anno di crescita del Pil inferiore allo zero''.

Senza l'accordo del 23 luglio comunque, oggi non si potrebbe registrare un'inflazione attorno al 4 pc, ''la piu' bassa degli ultimi 25 anni, che rende piu' realistico l'ottenimento di un tendenziale di fine anno del 2,5 pc''. E senza quell'accordo ''non avremmo conseguito un calo dei tassi di interesse, che e' stato superiore a quello ottenuto dagli altri paesi europei, con una riduzione differenziale, segno tangibile del ridimensionamento del rischio Italia''.

Ciampi ha quindi ricordato come il rendimento netto dei Bot all'emissione a tre anni era dell'11,69 pc, mentre alle aste del gennaio scorso e' stato del 6,96 pc. ''La flessione dei tassi ha determinato un ragguardevole risparmio per lo Stato; ha liberato risorse, favorendo sia il finanziamento delle imprese sia l'attuazione delle privatizzazioni''. Grazie al contenimento della spesa per interessi, l'avanzo primario e' cresciuto dall'1,1 pc del Pil all'1,8 pc tra il 1992 e il 1993, con benefici effetti sul fabbisogno complessivo, la cui incidenza sul Pil e' scesa dal 10,5 al 9,8 pc. Tutto cioe', come detto, nonostante nel 1993 la crescita del Pil non ha superato lo zero.

(Lio/As/Adnkronos)