FIAT: OCCHI PUNTATI SULLA FIOM (2)
FIAT: OCCHI PUNTATI SULLA FIOM (2)
'VERTICI' INFORMALI TRA I LEADER SINDACALI

(Adnkronos) - E proprio la presentazione del Libro Bianco di Delors e' stata l'occasione per una serie di vertici informali tra i leader confederali e i metalmeccanici sul ''caso Fiat''. Cosi', mentre alla tribuna si susseguivano gli interventi, nei corridoi dell'Auletta dei gruppi parlamentari Susanna Camusso, della Fiom, chiedeva lumi a Bruno Trentin rispetto alla ''linea'' da tenere nel pomeriggio. Poco piu' in la', il suo ''collega'' Pierpaolo Baretta (Fim) si consigliava con il leader della Cisl Sergio D'Antoni, mentre Luigi Angeletti (Uilm) faceva il punto della situazione con Pietro Larizza.

Malgrado la difficolta' della situazione, il clima, questa mattina, appariva disteso. Cosi' come, del resto, le dichiarazioni dei diretti interessati: ''non e' tempo di polemiche'', avverte Sergio D'Antoni, ''e' ora, piuttosto, di fare l'accordo''. E la ''chiusura'' della Fiom? Nessuno crede che sia irrevocabile: ''e' una ipotesi che non abbiamo neppure preso in considerazione'', risponde Baretta.

E Angeletti: ''No, non credo che la Fiom si impantani proprio adesso. Sono giri di valzer che abbiamo gia' visto. Del resto, la soluzione che il ministro ci offre ci consente di fare passi avanti importanti sul piano delle politiche industriali e di offrire le massime garanzie possibili ai lavoratori sul piano degli ammortizzatori sociali. L'alternativa a tutto questo, sarebbe lasciare 15 mila persone a spasso: non credo che alcun sindacato possa permettersi di fare questa scelta''. (segue)

(Nnz/Zn/Adnkronos)