FUMATORI: L'ASSOCIAZIONE - ''NON SONO DROGATI''
FUMATORI: L'ASSOCIAZIONE - ''NON SONO DROGATI''

Roma, 28 feb. (Adnkronos) - ''Il fumatore non e' un drogato'' e puo' smettere di fumare quando vuole. ''Le statistiche parlano chiaro e dimostrano che il 96,5 per cento smette con la sola forza della volonta' ed il 65 per cento al primo tentativo''.

In una strenua ed appassionata difesa del fumo, Giuliano Bianucci, presidente dell'Associazione Fumatori, ha inviato una lettera al Ministero della Sanita' affinche' compia ''analisi per stabilire se il contenuto di cio' che si fuma corrisponda a quanto indicato sul pacchetto e ne renda noti i risultati, nelle 24 ore successive''. L'intervento del Ministero della Sanita' dovrebbe smentire le voci che giungono d'oltre Oceano e che vorrebbero identificare i fumatori con una ''sottospecie'' di drogati.

''Sono tutte campagne volute da un agguerrita coalizione di salutisti -dichiara il presidente- la prima si ebbe negli anni '60-'70 e terrorizzo' i fumatori con il messaggio 'il fumo fa male'. La seconda, negli anni '80-'90, terrorizzo' i non fumatori con il messaggio 'il fumo degli altri vi daneggia'. Ora si vorrebbe far credere che i fumatori sono dei drogati. Questa accusa non sta in piedi e le statistiche lo dimostrano''.

Nel 1994 l'Associazione Fumatori intraprendera' una campagna per creare sempre maggiori spazi nei quali fumatori e non fumatori possano coabitare nel reciproco rispetto, diffondendo capillarmente il messaggio di ''tolleranza, cortesia e buona educazione''.

(Zad/Pe/Adnkronos)