GAY: QUERELATO IL CARDINALE BIFFI
GAY: QUERELATO IL CARDINALE BIFFI

Roma, 5 mar. (Adnkronos) - Dopo il Papa stavolta e' il turno del cardinale Giacomo Biffi. La Lega per i Diritti Sessuali della Persona dopo aver querelato Giovanni Paolo II, stamattina ci ha riprovato con l'arcivescovo di Bologna per un discorso pronunciato ai giovani dell'Azione Cattolica alcuni giorni fa e pubblicato dall'Osservatore Romano. In questo discorso il cardinale Biffi accostava l'omosessualita' alla necrofilia e accusava i Parlamenti di ''sragionare'' a proposito della recente risoluzione presa a Strasburgo a favore delle coppie gay. I reati ipotizzati -si legge nell'esposto depositato stamattina alla Procura della Repubblica dal fondatore dell'associazione gay Doriano Galli e dall'ex parlamentare radicale Adele Faccio- sono quelli di ''vilipendio del Parlamento itlaiano, del Parlamento Europeo, calunnia, diffamazione, istigazione a delinquere, falso ideologico, falso formale con l'aggravante della diffusione a mezzo stampa''.

''Siccome il signor Giacomo Biffi e' cittadino italiano -si legge testualmente nell'esposto- si scaglia contro donne, omosessuali, liberi Governi Nazionali e Comunitari, con la stessa presunzione di infallibita' del proprio capo, perfettamente in linea con l'ideologia propugnata dalla Chiesa Cattolica, i sottoscritti denunciano al Tribunale per i Diritti dell'uomo ed alla Procura della Repubblica di Roma il signor Giacomo Biffi, perche' accertino se nella condotta sopra descritta siano ravvisabili fattispecie penalmente rilevanti con particolare riferimento per i reati sopracitati, nonche' ogni altro reato che l'Autorita' Giudiziaria ritenga ravvisare. Nella certezza del diritto''. (segue)

(Gia/Pan/Adnkronos)