8 MARZO: LEGA NORD - UNA FESTA CHE GHETTIZZA
8 MARZO: LEGA NORD - UNA FESTA CHE GHETTIZZA

Milano, 7 marzo (Adnkronos) - ''La cultura delle pari opportunita' tra uomo e donna trae le sue origini anche da quel lontano 8 marzo ed e' proprio per questo lungo faticoso cammino di conquiste che non dobbiamo e non possiamo accettare di festeggiare una specifica giornata di festa della donna''. A sostenerlo e' la responsabile della Consulta femminile della Lega Nord, Ilia Romanello, la quale aggiunge che''non e' certo con convegni e cortei schiamazzanti che si combattono le discriminazioni dirette e indirette di cui la donna e' ancora oggi oggetto nelle scuole, nelle famiglie e sui posti di lavoro''.

''Le stesse donne si lasciano strumentalizzare -afferma ancora l'esponente della Lega- da questa festa consumistica e non si rendono conto che anche in quel giorno sono le vittime di una discriminazione che, nel festeggiarle, le ghettizza''. ''Come possiamo festeggiare le donne- conclude- quando nelle liste di mobilita' sono al primo posto ed all'ultimo invece nelle riassunzioni, quando sono lasciate sole a sostenere il pesante fardello della conduzione delle famiglie, a far quadrare un bilancio di casa a volte assai esiguo, ad educare i figli, a curare ed assistere i disabili e gli anziani''.

(Mil/As/Adnkronos)