ORA LEGALE: FRA TRE SETTIMANE LANCETTE AVANTI DI UN'ORA
ORA LEGALE: FRA TRE SETTIMANE LANCETTE AVANTI DI UN'ORA

Roma, 7 mar. - (Adnkronos) - Fra tre settimane circa torna per la quindicesima volta consecutiva l'ora legale. Alle due del mattino di domenica 27 marzo bisognera' mandare avanti le lancette dell'orologio di un'ora. Si perdera' un'ora di sonno, e la cosa sara' particolarmente pesante per le migliaia di scrutatori che in tutta Italia dovranno essere presenti di buon'ora davanti ai seggi elettorali per avviare le operazioni di voto. L'ora di riposo perso verra' recuperata fra sei mesi, esattamente domenica 25 settembre.

E' dal marzo 1980 che, in conseguenza di una direttiva comunitaria, i paesi dell'Unione europea hanno adottato l'ora legale per sei mesi l'anno. In Italia esisteva gia' dal 1974, ma la sua durata era limitata a quattro mesi, da giugno a settembre. In precedenza c'era stata una fase sperimentale negli anni '60 e, ancora prima, durante l'ultima guerra mondiale. In modo continuativo fu imposta nel 1974 come misura volta a ridurre i consumi elettrici in seguita alla prima crisi energetica.

L'adozione dell'ora legale consente infatti un risparmio di energia valutabile in 700 milioni di kwh l'anno, che corrispondono a 150-175 mila tonnellate di petrolio. Il risparmio e' dovuto essenzialmente alla ritardata accensione degli impianti di illuminazione nelle abitazioni, uffici, fabbriche e negozi. Poco apprezzabile invece il risparmio nell'illuminazine pubblica esterna, la cui accensione e' regolata da interruttori ''crepuscolari'' o da cellule fotoelettriche che accendono e spengono automaticamente a un orario prestabilito o in base al livello di luce naturale.

(Red/Zn/Adnkronos)