TRECATE: DATI LEGAMBIENTE - FALDE A RISCHIO ENTRO 5 KM.
TRECATE: DATI LEGAMBIENTE - FALDE A RISCHIO ENTRO 5 KM.

Roma, 7 mar. (Adnkronos) - In un raggio di cinque chilometri dal pozzo Agip di Trecate, il 50 pc del terreno non e' piu' impermeabilizzato ed e' quindi esposto ad un ''rischio fortissimo di contaminazione delle falde''. E' la conclusione ''piu' preoccupante'' cui sono giunti i tecnici di Legambiente dopo un primo sopralluogo nell'area dell'incidente. ''Il pozzo -ha spiegato il biologo dell'associazione Paolo Drei- non e' ancora in sicurezza, e non lo sara' fino alla fine della prossima settimana. I danni piu' gravi non sono quelli gia' oggi osservabili, come la compromissione pressoche' totale delle risaie vicine al pozzo fino ad un raggio di dieci km. Molto piu' pericolosa e' la situazione delle falde, con il rischio piu' che probabile che le falde acquifere vengano contaminate dagli idrocarburi penetrati nel terreno''.

L'esperto di Legambiente ha stimato in 1.500 metri cubi (circa 1.200 tonnellate) il greggio ''eruttato'': ''Non tutto il petrolio e' ricaduto al suolo -ha aggiunto- Una frazione consistente di aromatici e' rimasta nell'aria in un raggio di alcuni chilometri''. Per di piu', sostiene ancora Drei, il personale e' costretto a lavorare in condizioni ''disastrose'', esposto cioe' ad un ''bagno di petrolio''.

Legambiente ha anche diffuso gli ultimi dati delle analisi compiute su dieci campioni di acque superficiali, prelevati tra il pozzo e il Ticino. ''Nei punti sottovento -si legge in una nota- i valori oscillano tra i 6.667 mg/litro del canale piu' vicino e i 4.9 di quello piu' lontano, contro gli 0.05 mg/l del limite di legge per le acque potabili e gli 0.2 mg/l del valore guida per la vita acquatica''. Una situazione, sostiene l'associazione ambientalista, che ''impone'' la definizione di un piano di monitoraggio prolungato nel tempo, soprattutto per quel che riguarda il pericolo di contaminazione delle falde e di inquinamento del fiume Ticino. Cosi' come occorre vigilare perche' l'Agip si impegni a risarcire i danni ''anche agli effetti a lungo termine, come quelli possibili sulle falde''.

(Ata/As/Adnkronos)