I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (4): LA CRONACA
I FATTI DEL GIORNO. 3/A EDIZIONE (4): LA CRONACA

Torino. E' stata archiviata l'inchiesta su un conto bancario depositato presso l'Amministrazione patrimonio sede apostolica (Apsa), sulla quale si sospettava fossero transitate delle tangenti pagate dalla ditta edile Gilardi. La indagini hanno dimostrato la regolarita' del movimento di denaro nel conto intestato a Stefano Merenda, ex segretario della Unione nazionale trasporto ammalati Lourdes e vicepresidente della Gilardi.

Roma. L' Associazione nazionale magistrati (Anm) ribadisce che ''l'emergere della questione morale nella magistratura -connessa al sistema di illegalita' diffuso nell'intera vita pubblica- costituisce espressione di una crisi di costume e dimostra l'inadeguato funziomanento degli strumenti di controllo propri del sistema di governo dell'organizzazione giudiziaria''. La Giunta esecutiva centrale dell' Anm invoca, tra i diversi provvedimenti da prendere, l'istituzione di un ispettorato del Consiglio superiore della magistratura in grado di svolgere tempestive indagini.

Milano. E' stato arrestato con l'accusa di corruzione l'avvocato Antonio Belvedere. Il legale, stando alle ipotesi degli inquirenti, avrebbe versato una tangente ad alcuni politici di Pieve Emanuele, un comune nella cintura del milanese, perche' venisse convertito in residenziale un terreno ad uso agricolo. Una ''trattativa'' che l'avvocato avrebbe gestito per conto di alcuni clienti. Il magistrato titolare dell'inchiesta e' Fabio Napoleone.

Reggio Calabria. Beni per un valore di circa 18 miliardi di lire sono stati sequestrati dalla questura tra il dicembre '92 e il gennaio '93, due mesi rivelatisi particolarmente caldi sul fronte della lotta alla criminalita' organizzata. I beni mobili e immobili appartengono a ''personaggi gravitanti nell'ambito delle cosche della 'ndrangheta calabrese'' e hanno interessato, in particolare, ''esponenti della cosca Franconieri, Nirta e Commisso''.

Teheran. La polizia iraniana ha arrestato 919 contrabbandieri in un'operazione svoltasi nelle province di confine del sud del paese e durata dieci giorni durante i quali sono stati confiscati 448.310 diversi tipi di beni ed animali. Il generale Mohammad Zaeri ha riferito che sono stati controllati 279 motoscafi e 55 camion, sequestrando soprattutto materiale audiovisivo. I contrabbandieri sono stati inoltre trovati in possesso di 71,5 chilogrammi di oppio e 12 diversi tipi di armi. (segue)

(Dis/Bb/Adnkronos)