ELEZIONI: BERLUSCONI, CENTRO FACCIA SONDAGGI E PENSI AL RITIRO
ELEZIONI: BERLUSCONI, CENTRO FACCIA SONDAGGI E PENSI AL RITIRO
AGRUSTI, E ALLORA SOSTITUIAMO I SONDAGGI AL VOTO...

Roma, 10 mar. (Adnkronos) - ''Io credo che tutti i voti ai candidati di Centro che si riconoscono nel programma liberale sono voti sottratti al nostro schieramento. Ragioniamo sui numeri. Secondo i sondaggi nell'uninominale avranno 20 deputati. Ma anche se fossero 30 non sarebbero determinanti per la stabilita' di un Governo''. Silvio Berlusconi invita i candidati di Centro disponibili ad un'intesa di governo con lui a ritirarsi dalla competizione in quei collegi dove i sondaggi li danno 'perdenti'.

All'offensiva di Berlusconi ha subito risposto Michelangelo Agrusti, che svolge le funzioni di capo della segreteria politica di piazza del Gesu' durante la campagna elettorale. ''Se il Cavaliere gradisce -dice- potremo anche fare a meno di fare le elezioni e dare i sondaggi per acquisiti..''.

La 'provocazione' di Berlusconi e' scaturita nel corso di un botta e risposta fuori programma con il segretario della Confartigianato Giorgio Meli, candidato del Patto a Tivoli ma apertamente disponibile all'intesa di Governo con Forza Italia. ''Siete contro il nuovo sistema elettorale -commenta Berlusconi- e la scelta che questo impone: di qua' o di la'. Fatevi un esame di coscienza in questi 15 giorni. Fate fare sondaggi, magari alla Directa che vi e' vicina, e dove siete perdenti sicuri fate il vostro dovere verso gli elettori: ritiratevi e indicate per chi votare''. (segue)

(Tor/Gs/Adnkronos)