ELEZIONI: BERTINOTTI, MAI AL GOVERNO CON IL CENTRO (2)
ELEZIONI: BERTINOTTI, MAI AL GOVERNO CON IL CENTRO (2)

(Adnkronos) - Bertinotti ha espresso poi ''sostegno totale all'opera di bonifica svolta dalla magistratura'' ma ha criticato una affermazione del ministro di Grazia e Giustizia, Giovanni Conso, rilevando che ''la legge e i magistrati non devono colpire i potenti, devono solo far rispettare la legge''. Con le sue prese di posizione sui bot, sul rifiuto di privatizzare Enel e Stet, sul superamento della Nato, Bertinotti non ritiene di ''aver fatto il gioco della destra'' ma di aver ''avuto il merito di animare la campagna elettorale''.

''Contro questa destra -ha aggiunto- se la sinistra propone una politica di continuita' col passato, e' destinata a soccombere. Questa destra puo' vincere perche' non e' piu' la destra che alloggia nei quartieri alti ma ha capacita' di penetrazione nei ceti popolari e rischia di vincere se non riusciamo ad attirare gli strati popolari. E' una nuova destra che propone un modello di societa' profondamente iniquo, una miscela di ultraliberismo e spinte secessioniste che la rende temibile''.

Un'attenzione particolare dovra' andare, nella prossima legislatura, alla ''formazione, all'informazione e alla ricerca che sono un nucleo strategico della societa'. La nostra proposta -ha detto illustrando brevemente le proposte di Rifondazione per una riforma del sistema radiotelevisivo- e' che si riorganizzi una forte presenza pubblica, trasparente e controllata dagli utenti, che si costruisca una grande organizzazione multimediale stabilendo, non solo, un rapporto tra Rai e settore delle telecomunicazioni ma anche della scuola. Tutto cio' in modo da non lasciare questo campo, totalmente nuovo, nelle mani dei privati, delle grandi potenze organizzate; perche' questi diverranno i signori del domani''.

(Pol/Gs/Adnkronos)