ELEZIONI: BOGI - LA SCELTA E' TRA DESTRA E PROGRESSISTI
ELEZIONI: BOGI - LA SCELTA E' TRA DESTRA E PROGRESSISTI

Roma, 10 mar. (Adnkronos) - ''Gli esponenti del centro lamentano scarsa attenzione nei loro confronti. Ma non si possono rimproverare giornali e Tv se registrano l'orientamento assolutamente prevalente tra gli elettori per un sistema maggioritario ancora piu' compiuto della legge Mattarella: un sistema cioe' dove la scelta e' tra due schieramenti''. E' quanto afferma l'on. Giorgio Bogi per il quale nel centro c'e' una operazione ''comprensibile e rispettabile'' di Martinazzoli per rilegittimare la sua forza. Chi vi si e' aggiunto, invece, non avendo questa ragione di fondo, ha come unico argomento che l'Italia ''non puo' essere governata dai rossi o dai neri''.

Secondo Bogi ''e' triste veder Segni che ha invocato con i referendum governi scelti dagli elettori ripiegare su un governo di emergenza impapocchiato tra segreterie di partito''. Bogi conclude osservando che comunque gli elettori sanno nella grande maggioranza che la scelta e' tra due: o una destra litigiosa e pronta a spaccare geograficamente e politicamente il paese oppure i progressisti al cui interno convivono tradizioni diverse, ma che sono ben diversi da quella caricatura da anni '50 che ne fanno gli sprovveduti centristi''.

(Pol/Bb/Adnkronos)