ELEZIONI: ELIA, A DESTRA E SINISTRA ALLEANZE FRAGILI
ELEZIONI: ELIA, A DESTRA E SINISTRA ALLEANZE FRAGILI

Roma, 10 mar. (Adnkronos) - ''Raccontare che se uno dei due poli di destra o sinistra vincesse, avremmo un governo stabile, equivale a prendere in giro gli elettori: anche se riuscissero a formare un esecutivo, i sedicenti alleati si troverebbero a farlo cadere da un giorno all'altro, perche' niente li spingerebbe a superare le divisoni che gia' esistono al loro interno''. Lo ha detto il ministro per le Riforme Elettorali ed istituzionali, Leopoldo Elia, intervenendo a Latina ad una manifestazione del Partito Popolare.

''Non reggono -ha aggiunto Elia- le argomentazioni di chi crede di giustificare le profonde divergenze interne ai poli di destra e di sinistra, raccontando che nelle democrazie in cui si e' instaurato un sistema bipolare, esistono fasce estreme nei diversi schieramenti. Nel parlamento inglese i dissidi interni ai maggiori partiti hanno natura e portata ben diversa: al momento delle elezioni tutti i candidati concordano su chi guidera' il governo e sul programma che dovra' realizzare; ed inoltre, se durante la legislatura qualcuno non si adegua alla disciplina di voto, sa che non verra' ripresentato nelle elezioni successive. Da noi invece, si considerano alla stregua di alleanze di governo, quelle che invece sono solo aggregazioni a puri fini elttorali, tanto precarie -ha concluso Elia- da manifestare tutta la loro fragilita' gia' prima del voto''.

(Pol/Bb/Adnkronos)