ELEZIONI: OCCHETTO, PRECISA SUI 'GOVERNI' E RISPONDE A SEGNI
ELEZIONI: OCCHETTO, PRECISA SUI 'GOVERNI' E RISPONDE A SEGNI

Roma, 10 mar. (Adnkronos) - Quale governo e quali alleanze dopo le elezioni. Achille Occhetto, insoddisfatto per come l'informazione tratta le sue argomentazioni su questi due temi, precisa il suo ragionamento. ''Vedo che alcuni giornali riducono le mie argomentazioni sulla prospettiva del confronto tra destra e sinistra, in questo decisivo passaggio elettorale, alla questione del governo di garanzia. Intendo ribadire, per chiarezza, il senso del mio ragionamento. Che e', in primo luogo, un no secco all'indicazione di qualsiasi proposta di governo a prescindere dall'esito del confronto elettorale e dai rapporti di forza che si saranno instaurati dopo le elezioni''.

''In secondo luogo -prosegue il leader della Quercia- ribadisco un no deciso ad ogni ipotesi di governo costituente che mi appare, nella situazione attuale, come inevitabilmente destinato a tradursi in una ammucchiata senza principi. In terzo luogo voglio fare un fermo richiamo al fatto che esiste un primo tempo nel quale la parola e' ai cittadini e che questa parola va rispettata in modo assoluto. Noi ci battiamo, come ho detto, perche' le forze progressiste conquistino la maggioranza e possano cosi' governare il paese. Questa e' la nostra determinazione. Non si preoccupi, dunque, Mario Segni. Non gli abbiamo lanciato alcun segnale ne' diritto ne' obliquo''.

''E infine, quarto punto, ho preso in esame una subordinata: cioe' l'eventualita' -che spero non si verifichi- di una situazione nella quale nessuno dei tre schieramenti abbia la maggioranza. In tal caso, naturalmente -ma deve esser chiaro che e' essenziale una forte affermazione dei progressisti- noi valuteremo il modo di garantire (senza, con cio', prefigurare frettolosamente e impropriamente formule di governo) che non si debba andare immediatamente a nuove elezioni''.

(Red/As/Adnkronos)