FILMOPOLI: ROCCA - ESCLUDO FINANZIAMENTI A VUOTO
FILMOPOLI: ROCCA - ESCLUDO FINANZIAMENTI A VUOTO

Roma, 10 mar. (Adnkronos) - Sono circa 400 i film che, dal 1966 ad oggi, sono stati finanziati in base all'art. 28. ''Escludo, sperando che gli uffici della Bnl abbiano operato correttamente e sono convinto di questo, che si siano mai potuti finanziare film non fatti, perche' la banca eroga i finanziamenti a stato d'avanzamento e paga il saldo a copia campione''. A parlare dell'art. 28, sui cui sovvenzionamenti sta indagando il sostituto procuratore della Repubblica di Roma, e' Carmelo Rocca, direttore generale dello Spettacolo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, componente del Comitato Credito che valuta i progetti cinematografici presentati per avvalersi dei finanziamenti statali.

''L'art. 28 -spiega Rocca alla Adnkronos- e' un finanziamento a tasso agevolato affiche' si possano produrre film di nuove leve cinematografiche: opere prime, seconde, terze prescindendo dall'eta' anagrafica dell'autore. Il Ministero funge da semplice segreteria tecnica del Comitato Credito, il quale si esprime sulle finalita' artistiche e culturali, su un progetto e non su un film gia' realizzato''.

Dal 1966 ad oggi, afferma Rocca, sono arrivati al Ministro del Turismo e Spettacolo circa 3000 progetti. Di questi, il Comitato Credito ne' ha approvati 673 e ne ha bocciati 2327. ''Ma l'approvazione del progetto -aggiunge Rocca- non vuol dire ancora soldi, perche' l'amministrazione non eroga fondi. I fondi vengono erogati dalla Banca Nazionale del Lavoro, che, di questi 673 progetti approvati, ha fatto il contratto di mutuo per 410 circa''. (segue)

(Rgg/Bb/Adnkronos)